Darknet Moderatore pagato in Bitcoin Condannato a 11 anni

Bryan Herrell, che ha risolto le controversie su AlphaBay, si è dichiarato colpevole di accuse di racket in gennaio.

  • Un residente del Colorado passerà un decennio in prigione per il suo ruolo in AlphaBay.
  • Bryan Connor Herrell era un moderatore sul mercato nero.
  • Si è dichiarato colpevole a gennaio per le accuse di racket.

Nove mesi dopo essersi dichiarato colpevole in un tribunale distrettuale della California

Nove mesi dopo essersi dichiarato colpevole in un tribunale distrettuale della California, Bryan Connor Herrell, 26 anni, è stato condannato martedì a 11 anni dietro le sbarre per il suo ruolo di moderatore di AlphaBay, secondo un annuncio del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

Un dark web marketplace di contrabbando accessibile attraverso il browser web Tor, AlphaBay era un luogo dove venditori e acquirenti potevano riunirsi per comprare e vendere droga, armi, informazioni di identità rubate, numeri di carte di credito e altri oggetti illeciti, ma soprattutto droga.

Il sito web – un’espansione della precedente Via della Seta del sito darknet, solo 10 volte più grande – ha visto i suoi ultimi giorni nel 2017 dopo quasi tre anni di attività. Un’operazione delle forze dell’ordine di tre paesi ha smantellato il sito, con la polizia canadese che ne ha sequestrato i server in Quebec, e funzionari statunitensi che chiedevano l’estradizione di uno dei suoi amministratori, Alexandre Cazes, negli Stati Uniti.

Cazes è stato poi trovato appeso a un asciugamano in una cella della prigione di Bangkok, sospettato di suicidio

All’epoca in cui è stato chiuso, il sito aveva quasi 400.000 utenti ed era il luogo ideale per acquistare droghe illecite online. Gli acquisti venivano generalmente effettuati in valute virtuali, come Bitcoin System, Monero ed Ether, perché offrivano un certo anonimato.

Come moderatore su AlphaBay, Herrell, che si faceva chiamare „Penissmith“ e „Botah“, risolveva le controversie tra venditori e acquirenti sul sito, diceva il DOJ. Ha anche svolto il ruolo di „osservatore della truffa“, tenendo d’occhio ogni tentativo di frodare gli utenti di AlphaBay.

Per i suoi sforzi, l’Aurora, Colorado, residente in Colorado, è stato pagato in Bitcoin

A gennaio, Herrell si è dichiarato colpevole di cospirazione per aver cospirato in un’organizzazione corrotta influenzata dal racket.

„Questa sentenza serve come ulteriore prova che i criminali non possono nascondersi dietro la tecnologia per infrangere la legge“, ha detto martedì il procuratore degli Stati Uniti McGregor Scott in una dichiarazione. „Operare dietro il velo dell’oscurità può sembrare offrire un riparo dalle indagini criminali, ma la gente dovrebbe pensarci due volte prima di ordinare o vendere droga online: verrete catturati“.

L’indagine su AlphaBay e i suoi ex amministratori è in corso.